Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 19

Discussione: Lo schivo Manghen

  1. #1
    L'avatar di essepi
    Data Registrazione
    03-02-2010
    LocalitÓ
    Veronacity
    Messaggi
    3,001
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 2/0

    Predefinito Lo schivo Manghen

    Risalendo la val d'Adige arrivati a Rovereto non si pu˛ non vedere a sinistra il Bondone, che si erge in tutta la sua imponenza, ci controlla e ci accompagna fino a Trento, tronfio e fiero.
    Ma arrivati a Trento girando a destra dopo il lago di Caldonazzo, schivo e nascostro c'Ŕ la meta del nostro viaggio di oggi.
    E' una cima mite ed appartata e al viaggitore piace proprio per questo, ma che riserva, a chi la vuol scoprire, non poche sorprese.



    Il Bondone ci scruta mentre saliamo passato Mattarello



    Il lago di Caldonazzo, si lo so dalla foto si vede poco ma c'era la massa di bagnanti automuniti che si dirigevano in spiaggia e fare una foto migliore era quasi impossibile pena l'essere stirati



    salendo verso Torcegno di fronte e alla ns. destra si vede questo




    0 Not allowed! Not allowed!

  2. #2
    L'avatar di essepi
    Data Registrazione
    03-02-2010
    LocalitÓ
    Veronacity
    Messaggi
    3,001
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 2/0

    Predefinito

    A Telve comincia la salita, ma trovare l'attacco non Ŕ semplice,i cartelli sono pochi, il passo vuole nascondersi e non vuole essere trovato, non ama gli scocciatori. La salita inizia dolce e prosegue senza grandi pendenze, la cima non si vede e viene da domandarsi se non si sia sbagliato strada.



    La tempesta ha lasciato i segni sui fianchi della montagna, sarÓ un susseguirsi di tratti verdi e tratti completamente rasi e i tronchi riversi mettono un po di tristezza.





    la strada sale dolce e la cima ancora non si palesa



    Poi appena superata la sbarra, le cose cambiano ..

    La roccia si fa rossa, gli alberi si diradano, con la complicitÓ di qualche nuvolone la temperatura comincia a scendere e la salita si fa importante.



    Adesso Ŕ salita vera, non si scende mai sotto pendenze del 9% ( scusate ma resto sempre un moto - ciclista ) ma i tornanti son rampe di garage, qualche ciclista sale lento e in silenzio, mentre uno sciame rumoroso di motociclisti bolognesi mi superano a tutta manetta, mi fermo e li lascio passare.
    La strada stretta aumenta il piacere della salita.



    Alla fine il passo Manghen si Ŕ fatto vedere e ci fermiamo compiaciuti di averlo scoperto.
    Metto immagine di rito, la mia Ŕ la moto nana ..


    0 Not allowed! Not allowed!

  3. #3
    L'avatar di essepi
    Data Registrazione
    03-02-2010
    LocalitÓ
    Veronacity
    Messaggi
    3,001
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 2/0

    Predefinito

    Il passo Ŕ discretamente popolato da ciclisti e motociclisti affamati, c'Ŕ un rifugio e verrebbe voglia di fermarsi ma mi Ŕ venuta voglia di gewurztraminer e anche senza l'ausilio di garminnavighetor s˛ dove devo andare..



    Adesso comincia la discesa e purtroppo la foresta ferita resta sempre sotto gli occhi del motociclista.



    discesa bella curvosa con un po di lavori in corso, ed arrivato ad Ora mi dirigo in piazza a Termeno per la merenda



    In piazza c'Ŕ anche un rinfresco per un matrimonio, tutti vestiti con abiti tradizionali, come vuole la tradizione.
    I filari di vigne che costeggianno la strada sono allineati alla perfezione, deve averli piantati un cartografo russo collegato con un satellite geostazionario perchŔ penso che Pitagora non avrebbe saputo fare di meglio.
    Percorro la strada del vino fino a Mezzocorona e da lý salgo nuovamente al fresco di Fai dellla Paganella.
    Attraverso il bosco su una bella strada larga e curvosa che sarebbe pi¨ adatta ad un Goldwing magari bianco, ma mi faccio bastare la mia motoretta.

    A Mezzocorona dalla montagna sbucano imponenti le tubature della centrale idroelettrica



    Il lago di Molveno


    0 Not allowed! Not allowed!

  4. #4
    L'avatar di essepi
    Data Registrazione
    03-02-2010
    LocalitÓ
    Veronacity
    Messaggi
    3,001
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 2/0

    Predefinito

    Costeggio il lago sulla sinistra su una strada con fondo non proprio perfetto e davanti ho un ape piaggio che va a manetta superando tutti, il fumo bianco,l'odore del 2 tempi e la guida spericolata del tipo mi consigliano di tenerlo alla larga.
    L'aria Ŕ tornata respirabile e proseguo fino al ponte sul fiume Kwai



    La forra del Sarca Ŕ alta 80 metri.
    Proseguo per Tione di Trento e poi gi¨ fino a Storo, la valle non Ŕ niente di che larga e placida con capannoni qua e la; la strada molto ampia e scorrevole mi porta in breve tempo alla mia prossima tappa.

    0 Not allowed! Not allowed!

  5. #5
    L'avatar di essepi
    Data Registrazione
    03-02-2010
    LocalitÓ
    Veronacity
    Messaggi
    3,001
    Thumbs Up/Down
    Received: 0/0
    Given: 2/0

    Predefinito Pregasina

    La strada che da Storo al lago di Ledro Ŕ molto bella, tra costoni di roccia la strada si insinua come una biscia,ci sarebbe da divertirsi se un simpatico camper fiat OM della prima guerra punica e un Ducato del circolo velico Gargnano del Garda ( li mortacci loro e di chi gli ha fatto gli iniettori ) non avessero avuto la mia stessa idea di percorre quella strada.
    Una via crucis motoristica, solo che ad ogni curva c'era una madonna da tirare invece che una stazione dove pregare, .... e vabbŔ la rifaremo...
    Passato il lago di Ledro, prima della galelria che porta a Riva del Garda, c'Ŕ la deviazione per la nostra prossima meta, il piccolo paese di Pregasina.
    Se lo cercate dovete chiamare il cartografo russo delle vigne di Termeno o zummare a tutto schermo la cartina, Ŕ una manciata di casupole conosciuto dai 4 abitanti che lo popolano, dai tedeschi ( scovano tutti i posti pi¨ belli e non capisco come fanno ) , 2 gatti randagi e da me.
    Si percorre una galleria, che sostituisce la vecchia strada che oggi Ŕ un sentiero da percorrere a piedi ed all'uscita sulla sinistra c'Ŕ un piccolo slargo a mo di giardino con una statua e con questa vista





    Un concentrato di Nirvana, il Paradiso, il posto dove lo yin e yang si incontrano, si insomma uno di quei posti dove ci pianteresti le tende per tutta la vita o quasi.
    Passato il momento meditativo-introspettivo si quello dove dici basta che vita di M... questi son posti... no casa mia con la suocera che rompe, la tangenzaile per andare al lavoro... si insomma quei momenti lý che poi durano fino a quando lo stomaco non ti dice che Ŕ ora di tronare alla cruda realtÓ.
    Allora sali per l'unica strada che porta al paese, larga metri 1 virgola 23 centimetri e arrivi all'hotel Panorama nel quale trovi una nutrita comunitÓ di tedeschi intenti a bere un birra guardando incantati il lago.
    Praticamente ci sono solo loro nel paese, l'hanno colonizzato da pi¨ di trent'anni che Ŕ pi¨ o meno da quando l'ho scorperto io.
    Vista dall'Hotel panorama



    Vista del mio piatto



    Per l'angolo del " lo sapevate che ? " apro una parente sulla foto di prima del piatto, i costoni di roccia piatta che si vedono a destra sono stati causati, un bel po di milioni di anni fa dai ghiacci ( si il lago di garda era un ghiacciaio ) che scorrendo sulle pareti le hanno levigate e ad oggi sono ancora cosý. Si possono notare in basso a destra anche in questa vista del Baldo.



    Ripercorro la strada a ritroso e dopo la galleria che porta a Riva, attraverso il paese e percorro la strad che costeggia la sponda veronese del Garda, dopo Torbole il traffico Ŕ scarso e ho un ritrono meditativo - introspettivo percorrendo la strada con un filo di gas guardando i colori del tramonto.
    Un ebete che sbuca dla nulla con un materassino, dopo aver evitato un suv e uno scooter decide di farmi tornare al presente, inchiodo e gli rivolgo alcuni improperi inerenti il lavoro pi¨ antico del mondo che le sue antenate praticano dalla notte dei tempi.
    Costeggio acora un po il lago e pian piano torno a casa, con il sorriso stampato.

    0 Not allowed! Not allowed!

  6. #6
    L'avatar di docgasper
    Data Registrazione
    21-08-2006
    LocalitÓ
    trentino
    Messaggi
    2,704
    Thumbs Up/Down
    Received: 1/0
    Given: 0/0

    Predefinito

    Ti sei fatto un bel po' di km e di curve.
    Se ti viene voglia di fare qualche giro in compagnia, chiamami, ho disponibilitÓ di tempo illimitate.
    Bella anche la moto



    Inviato dal mio Redmi Note 9 Pro utilizzando Tapatalk

    0 Not allowed! Not allowed!
    il Bela Ŕ la nostra coscienza che si ribella ( cit.Corradorombodituono)

  7. #7
    Ci fai le stesse cose... L'avatar di FASTGABRY
    Data Registrazione
    20-08-2005
    LocalitÓ
    tra pd e ve
    Messaggi
    53,052
    Thumbs Up/Down
    Received: 9/4
    Given: 0/0

    Predefinito

    Che bel giro.
    Il manghen non rientra nei miei preferiti ma di lÓ c'Ŕ il Paradiso

    0 Not allowed! Not allowed!
    Vivo per l' Ivo (e gs adv 1150) ...il resto ze fuffa

  8. #8

    Data Registrazione
    07-07-2016
    LocalitÓ
    -
    Messaggi
    1,464
    Thumbs Up/Down
    Received: 5/1
    Given: 2/0

    Predefinito

    Bellissimo giro.
    Grazie per aver condiviso.
    Una curiositÓ: quel blocco roccioso che sembra la Costa Concordia davanti al Giglio cos'Ŕ?
    Sembra come se, nel corso delle ere geologiche, il terreno sottostante abbia ceduto solo da un lato finendo per farlo inclinare in quel modo.
    E' una morfologia conosciuta?
    C'Ŕ un geologo tra noi?
    Parlo di quello al centro della foto seguente


    0 Not allowed! Not allowed!

  9. #9
    L'avatar di docgasper
    Data Registrazione
    21-08-2006
    LocalitÓ
    trentino
    Messaggi
    2,704
    Thumbs Up/Down
    Received: 1/0
    Given: 0/0

    Predefinito

    ╚ il monte Brione, divide Riva del Garda da Torbole( o meglio dal lido di Arco).
    Geologicamente ,ammetto la mia ignoranza, non ho idea a cosa sia dovuto.
    Ti posso dire comunque che in molte valli del basso Trentino, il versante orientale delle montagne Ŕ molto pi¨ scosceso di quello occidentale. Vale anche per il monte Stivo, che vedi dietro e spostato a dx nella foto.

    Inviato dal mio Redmi Note 9 Pro utilizzando Tapatalk

    0 Not allowed! Not allowed!
    il Bela Ŕ la nostra coscienza che si ribella ( cit.Corradorombodituono)

  10. #10

    Data Registrazione
    07-07-2016
    LocalitÓ
    -
    Messaggi
    1,464
    Thumbs Up/Down
    Received: 5/1
    Given: 2/0

    Predefinito

    Grazie.
    Ho trovato qualcosa qui: https://www.agraria.org/parchi/trentino/brione.htm

    0 Not allowed! Not allowed!
    Ultima modifica di EmmePi; 19-07-2020 alle 22:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •