Finalmente il caldo torrido comincia a dare tregua e girare in moto diventa un piacere più grande. Ho fatto altri giretti durante i mesi caldi, ma per andare al mare o all’Elba, quindi niente di che.
Ieri invece sono andato a pranzare in un piccolissimo gioiello ad un tiro di schioppo da Greve in Chianti: Montefioralle.
Montefioralle - uno dei 100 borghi più belli d’Italia - è un castellare a pianta ellittica che mantiene intatto il fascino dei tempi passati. Molto frequentato dai turisti, soprattutto francesi ed olandesi. Ha moltissimi magnifici scorci sulle valli a vigna del Chianti fiorentino che lo circondano e due ottimi ristoranti: la Taverna del Guerrino e La Castellana. Entrambi ottimi ma differenti. Il primo è l’autentica cucina di casa. La vecchia cucina è a vista, si possono notare le cuoche affaccendate a preparare i piatti che sono i tipici della tradizione chiantigiana. Rinomata la ribollita ed il ragù “alla vecchia maniera”. Carni ed affettati sono del Falorni e per ancora un mesetto si potrà mangiare in una delle verande più panoramiche che vi sarà mai permesso di osservare. La Castellana anche propone gli ingredienti della tradizione, ma “un filo” rivisti. Io li frequento entrambi, ma il primo ha sicuramente il mio favore. Qui le foto:





































Io ero un poco in ritardo ed ho fatto la strada segnata in mappa in alto, ma conviene venire passando per Badia a Passignano, che offre panorami ben più interessanti.